ARRIVA LA VIGNARONDA!

L'appuntamento è per domenica 17 luglio. Due i percorsi, per famiglie ed esperti, tra calici e cicchetti

Un’esperienza unica sulle due ruote, alla scoperta dei vigneti resistenti e degustando prodotti tipici locali: fervono i preparativi per la prima edizione della “Vignaronda”, evento ciclistico non competitivo in calendario domenica 17 luglio.

Si tratta della prima manifestazione di questo tipo in provincia e nasce dall’esperienza di Villaronda, tour tra le ville venete della provincia che nelle sue prime due edizioni ha attirato centinaia di ciclisti e di curiosi; madre di quell’evento è Valbelluna Bike che quest’anno, grazie all’idea di Giampaolo Ciet, ha deciso di spostare il focus dalle ville alle vigne.

Gli interventi

«Si tratta di un’iniziativa che vuol coniugare ambiente, viticoltura, turismo e sport richiamando appassionati e famiglie. – sottolinea infatti Ciet, già presidente di PIWI Veneto, associazione che raccoglie viticoltori di vigneti resistenti – Sarà l’occasione per conoscere di persona i coltivatori e produttori, degustare i vini prodotti da loro e assaporare i prodotti tipici del nostro territorio: vuole essere una manifestazione che fa della tipicità e dell’attenzione all’ambiente i suoi punti di forza».

«Sarà un’occasione unica – rimarca Alex Limana, delegato PIWI Veneto – per visitare aziende chiuse al pubblico e degustare prodotti tipici di piccole realtà locali. I vitigni resistenti, incroci nati negli anni ’60 per resistere alle malattie funginee e che permettono di abbattere i trattamenti almeno del 70%, sono particolarmente diffusi nel Bellunese, soprattutto nella Valbelluna e nel Feltrino, ed è per questo che abbiamo voluto puntare alla scoperta di queste realtà. Il vigneto resistente inoltre permette di utilizzare meno acqua, risorsa sempre più preziosa, e di effettuare meno passaggi con i trattori, con effetti positivi sia sull’inquinamento atmosferico che sulla tutela della biodiversità».

«Vignaronda Bike ha avuto subito presa non solo sui ciclisti esperti ed amatori, ma anche sulle persone comuni e sulle tante aziende che hanno deciso di supportare questa nuova sinergia. – evidenzia Fausto Toccane, presidente di Valbelluna Bike. – Parlare di sostenibilità e aderirvi non è una moda, ma una necessità: è fondamentale creare una comune coscienza che il rispetto dell’ambiente è il contributo più importante per fermare il surriscaldamento globale, ma che soprattutto, oltre alle politiche dei “grandi”, ci sono diversi gesti che partono “dal basso” che possono fare la differenza: per esempio l’utilizzo della bici e la scelta di prodotti km 0».

Nel corso della presentazione, sono intervenuti anche i rappresentanti dei main sponsor di Vignaronda – Assicuratrice ValPiave, Wall to Wall e Gruppo AutoTorino – che hanno sottolineato l’importanza in questo momento storico di sostenere iniziative attente all’ambiente e alla mobilità sostenibile, oltre che il valore promozionale dell’iniziativa per il territorio, per i suoi prodotti tipici e per le realtà vitivinicole d’eccellenza ancora poco conosciute tra il grande pubblico.

I percorsi

Due i percorsi di questa prima edizione: “La Pedalata del Vigneto Resistente” – 4 tappe, 30 km e un dislivello di 500 metri tutto nel territorio del comune di Borgo Valbelluna – e “La Gravel del Vigneto Resistente”, ben 95 km e 1600 metri di dislivello con sei tappe da Belluno fino a Feltre, passando per Cesiomaggiore.

“La Pedalata” è indicata per le famiglie e i gruppi di amici, e vedrà ogni gruppo – composto al massimo da 25-30 persone – accompagnato da una guida qualificata che illustrerà le particolarità delle diverse aziende e dei vigneti visitati nel corso del tour; “La Gravel” è invece indicata per gli appassionati ed esperti. In entrambi i percorsi, che si sviluppano lungo un circuito ad anello con partenza e arrivo all’Azienda “Poggio Pagnan” di Zottier di Mel (Borgo Valbelluna), ci saranno assaggi di formaggi e prodotti a km 0 e degustazioni dei vini resistenti.

Le iscrizioni

C’è ancora poco meno di un mese di tempo per iscriversi (le iscrizioni chiudono il 10 luglio) e nel frattempo continuano a moltiplicarsi le promozioni: per tutti i tesserati Slowfood, associazione che patrocina l’iniziativa, è infatti disponibile uno sconto di 5 euro sulla quota di iscrizione, così come per tutti i tesserati a gruppi sportivi.

Sono invece 10 gli euro di sconto per chi sceglierà di iscriversi (entro fine mese) direttamente al negozio Robi Bike di Via Vittorio Veneto, a Belluno.

 

La manifestazione gode del patrocinio della Provincia di Belluno, della DMO Dolomiti, della Camera di Commercio Treviso-Belluno, del Consorzio BIM Piave, delle Condotte Slow Food di Belluno e di Feltre, del Consorzio Dolomiti Prealpi e dei Comuni di Belluno, Feltre, Borgo Valbelluna, Cesiomaggiore, Limana, Sedico e Santa Giustina.   

Per conoscere tutti gli sponsor, clicca qui.